Cosa vedere a Berchtesgaden, la città senza tempo

461
cosa vedere a berchtesgaden, in baviera

Berchtesgaden, oltre ad essere una graziosa città che fa parte del Berchtesgaden Land, è anche un delizioso ed incontaminato angolo bavarese pieno di sorprese.

Probabilmente avrete già sentito nominare questa città in correlazione con il Nido dell’Aquila, uno chalet-fortezza dove Adolf Hitler era solito passare le vacanze estive, ma che oggi, dopo la fine della seconda guerra mondiale, è stato convertito in un ristorante.

Ovviamente la città non è conosciuta solo per via del suo collegamento diretto con il Führer, ma anche per le attrazioni e bellezze che possiede.

Il Parco nazionale di Berchtesgaden è la casa di tantissime specie rare ed in via d’estinzione, un polmone verde incontaminato pieno di sorprese, partendo dal lago naturale sotterraneo fino ai paesaggi mozzafiato.

Impossibile poi non voler fare una visita alle poco distanti Saline di Salisburgo, che i turisti visitano ogni anno per poter ammirare l’estrazione dell’oro bianco.

Sicuramente avrete già capito cosa faremo oggi, partendo dal centro storico, facendo tappa presso l’imponente Schloss Berchetesgaden, il castello della città, e salendo persino sul Monte Watzmann; bando alle ciance e immergiamoci subito in questa avventura.

Cosa vedere nel centro storico di Berchtesgaden

Passeggiare lungo le vie del centro storico di Berchetesgaden significa fare un vero e proprio ritorno al passato, dove tornano a regnare le case tradizionali bavaresi, con i loro muri affrescati e adornati secondo l’usanza locale.

Sempre in zona c’è anche il monumento commemorativo delle due guerre mondiali; fate ben attenzione perché non simboleggia soltanto la fine di anni pieni di orrore e violenza, ma anche la forza che la città ha avuto per rialzarsi.

Questa potrebbe essere l’occasione buona per portarsi a casa un piccolo pezzo della città, grazie alle numerose boutique piene di souvenir e piatti prodotti a mano, tra cui troviamo anche le famose caraffe storiche. Sempre parlando di caraffe, il centro storico è pieno anche di ottime birrerie, presso le quali è possibile fermarsi per fare uno spuntino veloce e dissetarsi.

Non molto distante dal centro, potrete visitare la chiesa di St. Peter und Johannes, amata da artisti e critici di tutto il mondo.

Cosa c’entra una chiesa con l’arte? I numerosi affreschi e la combinazione perfetta tra stile gotico e neoromantico la rendono il punto d’incontro vivente tra due stili architettonici molto diversi, ma comunque in grado di affascinare e convivere tra di loro.

Sempre presso questa chiesa potrete godere di una bellissima vista panoramica della città: vi basterà salire in una delle due torri laterali, che vantano ben 56 metri d’altezza per godervi tutta la bellezza di Berchetesgaden.

Nido dell’aquila: il rifugio alpino di Hitler

All’ultimo posto, ma certamente non per importanza, vi abbiamo riservato una chicca davvero particolare, il rifugio del temutissimo Führer Adolf Hitler. Stando alle documentazioni storiche ritrovare, durante i periodi di maggiore tensione e pericolo, Adolf Hitler si rifugiava prontamente in questa piccola fortezza, denominata “Il nido dell’aquila”. Oggi questo rifugio alpino è stato ristrutturato e convertito in un ristorante, tuttavia un occhio molto attento sicuramente riuscirebbe ancora a scorgere le grandi pareti portanti in calcestruzzo e cemento armato, in grado di donare all’intero ambiente un tono cupo, quasi macabro.

Il Parco Nazionale di Berchetesgaden, l’attrazione principale della città

Scopri gli Hotel più economici di Monaco

Cerchi un Hotel a Monaco di Baviera non troppo costoso e vicino al centro? Consulta la selezione che abbiamo creato per te!

Sono molte le città che racchiudono al loro interno un piccolo spazio verde dove è possibile distendersi e godersi il silenzio, sono però ben poche quelle che hanno a propria disposizione un’enorme riserva naturale; stiamo parlando del Parco Nazionale di Berchtesgaden, che attrae ogni anno centinaia di migliaia di turisti da ogni parte della Germania.

Qui non avrete solamente la possibilità di godervi paesaggi mozzafiato e viste panoramiche degne delle migliori foto su Instagram ma sarete circondati da fauna e flora uniche al mondo, specie molto rare quasi in via d’estinzione, che potrete però ammirare se sarete fortunati e molto silenziosi.

Questa riserva è completamente esplorabile da chiunque, e mette a disposizione moltissimi sentieri che si avventurano nella fitta vegetazione del bosco.

Essendo questo grande polmone verde situato proprio ai piedi delle Alpi, la vista sembra davvero essere uscita da una delle migliori fiabe Disney. Prima di concludere ci teniamo a ricordarvi di effettuare una piccola visita anche al lago Königssee, un lago naturale completamente incontaminato, le cui acque sono così limpide e cristalline da permetterci di specchiarci.

Le altre attrazioni da non perdere

Le Saline di Salisburgo, non molto distanti da qui, rientrano sicuramente tra le attrazioni da non perdere quando si visita la città; preparatevi a scivolare sempre più in basso alla scoperta delle cave di sale più preziose e famose del mondo: condotti da guide esperte, avrete la possibilità di fare un tour completo delle saline cercando di imparare i segreti dell’estrazione di una spezia che in passato era paragonabile all’oro.

In caso ve lo steste ancora chiedendo, è proprio da qui che viene il sale posto sui tavoli dei ristoranti o nei piccoli negozi di zona.

Castello di Berchetesgaden

Decisamente imperdibile è anche lo Schloss, il castello di Berchetesgaden, all’interno del quale è racchiusa la collezione privata di opere d’arte del principe Rupprecht; il giovane erede al trono di Baviera che aveva una profonda passione per l’arte, tanto da chiamare presso la sua reggia artisti provenienti da tutto il mondo, commissionando loro quadri e affreschi. Il palazzo è completamente visitabile, e sicuramente rimarrete a bocca vedendo incrociarsi diversi stili artistici in un unico posto.

Concludiamo infine con il Monte Watzmann, non una semplice montagna, bensì una delle cime più grandi e belle della Germania, che ogni anno attira presso di se centinaia di escursionisti e alpinisti.

Arrivare fino alla cima non è sicuramente un’impresa da poco vista l’enorme altitudine, ma una volta raggiunto il traguardo il paesaggio che si apre davanti ai nostri occhi ci lascia letteralmente sopraffatti. Vi segnaliamo anche la presenza di numerose specie animali e vegetali molto rare, come gli stambecchi o le Rose Alpine.